понеделник, 2 януари 2012 г.

dal vaporetto da San Zaccaria all'Arsenale

 il riflesso di isola di San Giorgio Maggiore con la chiesa di Paladio e il campanile nei vetri del imbarcadero ed io e Itene in primo piano sopra la scritta "vietato accostare"

si vede la facciata della chiesa della Pietà dietro l'imbarcadero di S. Zaccaria

аlcuni aberghi sulla Riva dei Schiavoni e il monumento equestre di Vittorio Emanuele davanti all'ottocentesco Hotel Londra in cui si vantava di essere stato ospite della Biennale del Dissenso nel 1977 Iosif Brodskij mentre Susan Sontag era al Gritti, ospite anche lei.

Eccola Santa Maria della Visitazione o della Pietà (un mese fa ho scoperto che è con ingresso a pagamento e si possa un percorso segreto, solo lunedì però) parte dell'ononimo ospizio che fu celebre per l'attività musicale svolta della assistite sotto la direzione di insigni maestri, tra cui Antonio Vivaldi.


 Rio dei greci che sbocca nel bacino di San Marco con il campanile pendente e la facciata della chiesa della Pietà o S. Maria della Visitazione con la facciata in bianca pietra d'Istria comletata nel 1906 rispettando il progetto di Giorgio Massari, l'architetto sul quale progetto era costruiya tra 1745 e 1760. Da visitare perché è composta da una elegante sala otava, concepita in funzione delle esecuzioni concertistiche, con soffitto decorato da un luminoso affresco di G.B. Tiepolo che rappresenta Incoronazione di Maria e ampio atrio d'ingresso che la isola dai rumori esterni. Io l'ho visitata nel 2008 ospite della Biennale Making World Fare Mondi quando dentro era presentata l'arte di Marocco.

sempre la facciata della Pietà con un novissimo imbarcadero di fronte e il ponte della Pietà sopra Rio della Pietà che sbocca al bacino di San Marco. Poi arriva casa Navagero sulla quale una lapide ricorda il soggiorno del Petrarca e del Boccaccio, che in realà si svolge nel palazz Molin dalle due Torri poi inglobato nell'attiguo momastero del Santo Sepolcro. Questo monastero, instituto nel 1475 presso un ospizion per pellegrini di Terrasanta, ampliato ai primi del Cinquecento e soppresso nel 1806 con l'arrivo di Napoleone, ora è sede del Presidio Militare nel quale cortile ho visto l'arte di Montecarlo nel 2008 durante la Biennale Fare Mondi.

Ecco il lungo semplice prospetto del Presidio Militare con elegante portale centrale di Jacopo Sansovino del 1570 quando era ancora il monastiro del Santo Sepolcro.

Qui vediamo il gotico palazzo Gabrielli databile alla fine del Trecento (ora hotel Gabrielli-Sandwirth) e Ca' di  Dio con il ponte della Ca' di Dio, un toponimo che prende origine dal nome di un ospedale per pellegrini fondato nel Quattrocento, ora convertito in casa di cura per lungodegenti autosufficenti particolarmente facoltosi.

Няма коментари:

Публикуване на коментар