понеделник, 12 юли 2010 г.

Due palazzi dello stile gotico dall'Album vénitien di Danielle

Tutti e due sono sul Rio del Gaffaro, nella parte più bella del sestiere di Santa Croce. Tutti e due adesso sono alberghi che consiglierei senza essere mai alloggiata in essi. Ma ci andrei volentieri un giorno. Così faranno parte della mia collezione.
Per adesso però fanno parte dell'Album vénitien di Danielle e della sua collezione di ricordi.

Ecco il grande cinquecentesco Palazzo Marcello che prospetta sulla Fondamenta Minotto che corre lungo il Rio del Gaffaro, proprio di fronte al ponte che porta il suo nome - Ponte di Ca' Marcello.

© foto di Danielle pubblicata nel suo bellissimo blog Album vénitien.

Se cliccate verso il post originale di Danielle vedrete meglio il fronte assimetrico del palazzo. Nonostante l'assimetria delle finestre, l'aspetto è molto gradevole, tipicamente tardogotico, con bellissimi capitelli, fioroni e cornici a dentelli.

Palazzo Odoni

Secondo Giuseppe Tassini, la facciata del cinquecentesco palazzo Odoni era un tempo affrescata da Girolamo da Treviso.

© foto di Danielle che nel suo blog Album vénitien ci ha fatto vedere altre belle foto dell'interno di questo palazzo del Cinquecento, di proprietà del collezionista Andrea Odoni, effigiato da Lorenzo Lotto.

Il primo proprietario, il gran collezionista Andrea Odoni e la sua casa sono state lodate da Pietro Aretino nel secondo libro delle sue Lettere.

Lorenzo Lotto, Ritratto di Andrea Odoni, 1527, olio su tela, 114 x 101 cm, Royal Collection, Hampton Court


Ecco anche la scala esterna del Palazzo Odoni all'inizio della quale vedrete un leone con uno scudo che vi saluta se visitate anche il sito web di questa dimora signorile con lo stile dei tempi passati.

© foto di Danielle, pubblicata nel post dedicato al Palazzo Odoni nel suo blog Album vénitien.

Visitare anche il sito dell'hotel Palazzo Odoni.

2 коментара:

  1. The humanist and antique dealer Andrea Odoni is presented amidst his collection of antiques. Gazing at the spectator, Odoni has placed one hand on his chest in a gesture of "sincerità" (here: reverence, or deference), while his other holds out a small, possibly Egyptian statue to the spectator. By contrast with the room in Titian's portrait of Jacopo de Strada, Odoni's antique cabinet is simply furnished.

    ОтговорИзтриване