сряда, 14 април 2010 г.

Calle stretta della Nostaligia

Calle stretta della Nostalgia

Ho letto in un commento sotto un post di Fausto che Ornella Vanoni, nata dove scorreva la Cerchia Interna dei Navigli di Milano, quando li ricoprirono nè provo un tale nostalgia per i canali che in vecchiaia è venuta a vivere a Venezia.
Nel commento di risposta Fausto ha svelato il fatto che Ornella Vanoni possiede un appartamento con vista canale nei pressi di Campo San Barnaba. Devo dire che ho cominciato a pensare a quella signora e alla sua decisione che mi affascinava e già la volevo fra gli effigiati nei miei “Ritratti Veneziani”. Ne parlavo a Ivo, alle amiche, a Rayna e a Valentina che a Milano andava a prendere il cappuccino al Gran Naviglio. Ho lasciato un commento a Fausto proponendogli se la conosce di presentarla come ci aveva presentato il Signore dei Pozzi.

A ciò Fausto ha risposto:
“Emilia, no, non conosco Ornella Vanoni che è una cantante italiana piutosto famosa”. Ed io leggendo la sua risposta fra qualche giorno all’improvviso mi sono ricordata di averla vista una volta in televisione. Saranno stati dieci anni fa, si parlava di un nuovo cd con gli arangimenti di Burt Bacharach e lei, vestita in una camicia o camicetta (?) bianca, elegantissima cantò una bella canzione “Gocce di piove su di me”. Mi ricordavo benissimo sia la cantante che la canzone e confermo quello che aveva detto Jovanotti su di lei. Nella mia memoria si erano incisi il suo stile, la sua voce, le cose che disse, la sua alta classe.
Ed ieri quando capito che quella sig.ra Vanoni (che mi immaginavo senz’altro ricca) era quella straordinaria cantante italiana Ornella Vanoni (già mi ricordavo anche il suo nome) mi sono documentata in internet sulla sua lunga carriera. In Wikipedia ho letto ciò che aveva detto Jovanotti di lei: “La voce della Vanoni è come un profumo. Dopo averla ascoltata ci si sente bene. Immersi in qualcosa di bello che rimane.” Ho visto dei video su YouTube e ho trovato una veramente straordinaria interprete, una cantante semplicemente divina. “Ornella forever” aveva scritto sotto il video della sua canzione più famosa “L’appuntamento” un certo Alex, uno dei suoi grandi ammiratori che conosceva e la canzione originale brasiliana “a beira do camincho”. Se la ascoltate cliccando al link che adesso allego, vi consiglio di leggere i commenti di sotto.

Ornella canta dal vivo L'appuntamento

E poi ho visto un altro video in cui lei canta la stessa canzone tanti anni dopo e parlando degli anni 70 diceva che allora “non c’era la vergogna di manifestare i sentimenti”. Cantava in modo diverso ma la voce ce l’aveva ancora integra e strabella.

Intanto Fausto mi ha scritto:
“Non ho mai visto Ornella Vanoni a Venezia. Il che mi fa pensare che usi quel suo appartamento molto di raro.”



Ornella Vanoni


Isabella Teotochi Albrizzi

Albrizzi all'inizio mi sembrava come dire, diciamo che mi stava simpatica ma ero indifferente al suo modo di scrivere, ma ieri ho desico di fare qualcosa di simile di quello che scrisse lei. Farò anch'io dei ritratti, e presto vedrete la lista degli effigiati. Vorrei molto che Ornella Vanoni fosse fra di loro.

Няма коментари:

Публикуване на коментар