сряда, 28 април 2010 г.

un altro percorso illustrato verso The Edge


Si scende dal vaporetto a Sant'Angelo


Scesi da linea 1 del vaporetto a Sant'Angelo vi farà impressione senz'altro la Corte dell'Albero, che si apre in forma irregolare, tra alti palazzi. Io avevo scattato il primo che mi aveva fatto impressione e qualche giorno fa ho visto una foto di Daisuke Ido di questo palazzo "moderno" costriuto in stile veneto-bizantino al primo decenio del Novecento.

Corte dell'Albero viene denominato così forse perché una volta lì c'era un albero.

Questa è la foto di Daisuke Ido e questo edificio è casa Nardi, interessante esempio di complesso abitativo in stile "veneto-bizantino", consturito ai primi anni del Novecento su un progetto degli architetti G. Alessandri e V. Fantucci, del 1913.

© photo by Daisuke Ido

Scendendo alla fermata di Sant'Angelo e percorrendo Corte dell'Albero noi andavamo sempre in una delle due direzioni verso l'antico palazzo gotico appartenuto alla famiglia Pesaro e all'inizio del Novecento acquistato da Mariano Fortuny ed oggi sede del Museo Fortuny. E andando sempre verso il Ponte de l'Albero sopra al Rio di Ca' Corner seguito dal Ponte Michiel sopra al Rio de Ca' Michiel raggiungevamo il grande edificio quattrocentesco del ex palazzo Pesaro degli Orfei poi Palazzo Fortuny per diventare alla fine Museo Fortuni (entrata 10 euro, per residenti 6 euro, "museo da donne" come l'ha definito Matteo che da studente lavorava lì per una settimana) e così sempre percorrendo calle Pesaro per poi dar sempre un'occhiata della facciata con gli archi gotici della facciata per tornare nel nostro abergo (L'hotel San Giorgio che occupa un'ala dell'antico palazzo appartenuto una volta alla ricca famiglia Pesaro).





Poi mi sono pentita di non aver mai percorso l'altro ponte andando nell'altra direzione. Con Ivo non siamo mai andati verso la Piscina di San Samuele, non abbiamo visto nè The Edge di Daisuke Ido, nè la casa del Veronese. Così non abbiamo percorso nè visto i due ponti di ferro degli anni trenta forse del Novecento - Ponte del Pestrin e Ponte Piscina San Samuele, legati con la fondamenta pendente, non abbiamo visto Rio dell'Angelo, che poi diventerà il mio rio preferito...

Tutte queste cose che vedete qui in foto le vedrete se prendete l'altra direzione dal Corte dell'Albero (scritto sul nissioleto Corte de l'Alboro) se mi ricordo bene. Troverete Corte Lucatello quando raggiungete il Ponte del Pestrin.

I link che allego sono due. Il primo è per il sito dei ponti di Venezia.
Il secondo link vi porterà diretamente in sestiere di San Marco dove troverete tra i 44 ponti in questo sestiere centrale i due ponti in ferro collegati con la fondamenta pendente e se guardate bene potrete anche trovare The Edge un edificio chiamato così da Daisuke Ido.


I ponti di Venezia
I ponti nel sestiere di San Marco









Tutte le foto della serie sono scaricate dal sito dei ponti di Venizia:
http://www.gpmeneghin.com/ponti/ponti.php

Ed ecco il punto finale di questo percorso - The edge of Daisuke Ido (o) Daisuke Ido's Edge. Uno scatto e un titolo d'autore! Si trova in Piscina San Samuele.


Livin' on the edge*


© photo by Daisuke Ido
*by Aerosmith

Per ascoltare la canzone clicca qui

E alla fine da Piscina di San Samuele si ragiunge salizzada S.Samuele dove (N.3338) è la casa dove abitò e il 19 aprile 1588, morì il pittore Paolo Veronese. (Se cliccate sull'etichetta Veronese all'inzio del blog la vedete).

Няма коментари:

Публикуване на коментар