петък, 21 май 2010 г.

Alcune "Cose non raccomandabili che si fanno a Venezia"

Ci sono delle cose che non corrispondono alle buone maniere, ci sono delle cose vietate ma a volte uno sente una gran voglia di farne, a volte queste cose che non si devono fare risultano veramente irrestibili. Qui faccio una breve lista delle cose che non è bello fare a Venezia, ma nonostante questo la gente le faccia perché non resiste.

Fare delle foto nella Basilica di San Marco (ne ho fatte anch'io)


Fare delle foto nel cimitero in isola di San Michele (io ne ho scattate alle tombe dei poeti, di Stravinskij e di Emilio Vedova, ma è stato una specie di ommaggio)


Scrivere qualcosa in un posto segreto o addiritura su un muro per farlo leggere tutti quelli che ci passeranno (insomma si possono leggere delle cose interessanti sui muri veneziani non solo quella piccola scritta ogni tanto: "è vietato scrivere sui muri" o "non scrivere sui muri" non ricordo come proprio era, pensavo di aver fotografarla in Calle lunga di San Barnaba ma non c'è tra le foto) Qualcuno ha lasciato "inciso" il suo nome e l'anno in cui l'ha scritto come quello attivo nel Sottotetto della Basilica dei Frari altro, più poetico e di certo più originale ha scritto una poesia d'amore (con cd pen ed in spagnolo) alla Pablo Neruda sul vetro dell'imbarcadero di Burano.

Amare in una calle buia (lo scrittore veneziano Tiziano Scarpa ha raccontato qualche storia del genere ma credo sia bello avere delle impressioni in prima persona)

1 коментар:

  1. Beh... anche io anmmiro spesso i graffiti e le scritte sui muri e dentro alcuni palazzi, anche perchè a volte sono cose intelligenti o divertenti, mentre altre sono pezzi di storia datati anche 19° secolo!!

    ОтговорИзтриване